Home » COMENTARIO BIBLICO ADVENTISTA

COMENTARIO BIBLICO ADVENTISTA


Ezechiele 38 e 39

Ezechiele 38 e 39 - NUOVA GERUSALEMME

Dal “Comentario Biblico Adventista”

(tradotto in italiano)

COMMENTI DI ELENA G. WHITE

Ezechiele cap 38

 

La parola di Geova.

 

I capitoli 38 e 39 formano un'unica profezia. L'intero passaggio è stato oggetto di molte speculazioni. Varie interpretazioni sono state avanzate di volta in volta. Per valutarle correttamente, è necessario avere una buona comprensione dello scopo di base, dei metodi e della portata della profezia. Il problema è trovare un modo per distinguere bene tra ciò che ha un'applicazione immediata e locale e ciò che ha un'applicazione più remota, forse nell'era cristiana, o alla fine dei tempi. Gli studiosi della Bibbia che applicano certe profezie dell'AT all'era cristiana spesso notano che queste profezie hanno qua e là delle predizioni che sono evidentemente di applicazione locale e immediata. Alcuni hanno cercato di spiegare questa apparente fusione dell'immediato con il futuro supponendo che il profeta, mentre dava un messaggio alla gente del suo giorno, di tanto in tanto faceva delle digressioni profetiche e proiettava le sue profezie in un futuro lontano. Mentre questa premessa sembrerebbe risolvere parzialmente il problema, non fornisce criteri per distinguere adeguatamente ciò che è immediato e ciò che è futuro remoto. La risposta a questo problema sta nella formalizzazione di un principio, il cui metodo si trova nella Bibbia stessa e anche negli scritti di Ellen White. Si può vedere che questo principio fornisce un metodo sicuro per discriminare tra ciò che lo Spirito Santo, attraverso l'ispirazione, intendeva designare come immediato, e ciò che aveva un'applicazione più lontana. Questo principio potrebbe essere affermato come segue: le profezie che hanno a che fare con la gloria futura di Israele e Gerusalemme erano condizionate dall'obbedienza (Ger. 18:7-10; PR 519-520). Si sarebbero adempiuti in forma letterale nei secoli successivi, se gli israeliti avessero accettato pienamente gli scopi divini per loro. Il fallimento di Israele ha reso impossibile l'adempimento di queste profezie nel loro intento originale. Tuttavia, questo non implica necessariamente che non siano più importanti. Paolo fornisce una risposta con le seguenti parole: "Perché non tutti coloro che discendono da Israele sono israeliti" (Rom. 9:6, NIV). Quindi queste promesse si applicano in qualche misura all'Israele spirituale. Ma fino a che punto? Questo deve essere determinato dall'ispirazione. Abbiamo nel NT e negli scritti dello Spirito di Profezia numerose citazioni di autori dell'AT che mostrano come queste antiche predizioni - che avrebbero dovuto trovare un glorioso adempimento nell'Israele letterale - alla fine si adempiranno nell'Israele spirituale. Infatti, è una regola sicura dell'esegesi applicare al futuro solo quelle profezie che la rivelazione applica in tal modo. Vale anche la pena di notare le limitazioni che vengono imposte. Ciò che va oltre questi limiti non può essere altro che speculazione, nel migliore dei casi, e non dovrebbe mai costituire la base di un dogma, né la premessa su cui si costruisce un'intera struttura di ragionamento teologico. Il tono distintamente locale che queste antiche profezie hanno è spiegato dal fatto che Dio originariamente intendeva che queste predizioni si realizzassero nel modo indicato. Inoltre, quelle che sono state designate come digressioni in un lontano futuro - in gran parte estranee alla presentazione generale del brano - sono anche presentate nel quadro dei primi scopi di Dio. In considerazione del fatto che quei primi propositi non sono stati adempiuti, gli scrittori ispirati successivi presentano il progressivo adempimento di quelle predizioni nel quadro della chiesa cristiana (PP. 27-30).Alla luce di questo principio, si può osservare che Ezechiele cap. 38 e 39 si sarebbe adempiuto in forma letterale dopo il ritorno degli ebrei dall'esilio se essi avessero accettato le condizioni offerte dai profeti. A causa del loro persistente rifiuto, la prosperità qui descritta non si è mai realizzata. Di conseguenza, la lega delle nazioni pagane non poteva attrarre un popolo che avrebbe abitato nella prosperità qui predetta. questa profezia si applicherà in futuro? Se si osserva il principio appena enunciato, tale applicazione potrebbe essere stabilita solo da una rivelazione successiva. Nel NT, c'è solo un riferimento diretto ai simboli di questa profezia (Apoc. 20:8). In questo passaggio Giovanni afferma che questa profezia - che in certe condizioni si sarebbe adempiuta formalmente e letteralmente in tempi precedenti - si adempirà in qualche misura nella lotta finale contro Dio da parte delle enormi schiere dei malvagi, chiamate "Gog e

 733

 Magog". Gli scritti di Ellen White non dicono nulla direttamente su questo capitolo. Naturalmente, indirettamente si può notare un parallelo tra questa lotta e la lotta finale contro l'Israele di Dio quando "le nazioni si uniranno per rendere nulla la legge di Dio" (5T 524) e i malvagi saranno "empi" (5T 524) e gli empi saranno "empi" (5T 524). e i malvagi si uniscono pienamente a "Satana nella sua guerra contro Dio" (CS 714). Come "come [Satana] influenzò le nazioni pagane a distruggere Israele, così nel prossimo futuro egli spingerà le empie potenze della terra a distruggere il popolo di Dio" (CS 195-196; cfr. TM 473). Questo conflitto millenario si concluderà infine con la distruzione di Satana e delle sue schiere (chiamate Gog e Magog, Ap 20:8) alla fine del millennio. Ma per allora, il conflitto avrà raggiunto proporzioni mondiali e non potrà più essere limitato ad un piccolo ambito come indicato in Ezechiele 38 e 39, dove appare come una lotta militare contro il ristabilito stato ebraico (2JT 372-373; 3JT 46). Qualsiasi esposizione che vada oltre i limiti dell'interpretazione del NT e delle rivelazioni dello Spirito di Profezia manca di un "Così dice il Signore". Naturalmente, non si deve affermare che non ci può essere una conoscenza maggiore senza un'ulteriore rivelazione. Ma si può affermare che oltre alla conferma specifica dell'ispirazione c'è una grande probabilità di errore in qualsiasi esposizione di questo tipo, specialmente in relazione alle profezie non compiute, che si può vedere chiaramente in tutta la storia dell'interpretazione profetica.

2. Gog

Questo è il nome scelto da Ezechiele per designare il capo delle schiere pagane che avrebbero attaccato lo stato ebraico restaurato dopo il ritorno degli esiliati (versetti 14-16). È stato impossibile identificare Gog con una figura storica conosciuta. Non si sa da quale radice provenga questa parola. La parola appare 13 volte nella Scrittura, ma il contesto dei passaggi non fa luce sul suo significato. In 1 Chron. 5: 4, Goga appare come il nome di uno dei figli di Gioele della tribù di Ruben. In Apoc.20: 8, è usato in connessione con Magog per simboleggiare le nazioni empie, che Satana raduna dopo il millennio per attaccare Cristo e prendere la Nuova Gerusalemme. Nelle 11 volte che appare in Ezechiele (cap. 38:2-3, 14, 16, 18; 39:1, 11, 15) è descritto come il capo di una grande coalizione di nazioni pagane. I LXX e il testo samaritano rendono Gog invece di Alga in Num. 24:7. In Ezek. 39:11, 15, appare la forma composta Hamongog, la "moltitudine di Gog". Questo nome è applicato alla valle dove le moltitudini di Gog sarebbero state sepolte. Nessuno di questi riferimenti serve a identificare Gog, e l'unica indicazione data sulla sua origine è in cap. 38:15, dove si dice che sarebbe venuto dal suo luogo, "dalle regioni del nord". Nelle fonti secolari, contemporanee a Ezechiele o precedenti, non si trova nessun personaggio chiamato Gog, anche se sono apparsi alcuni nomi che gli assomigliano. Uno di questi è il nome di Giges, re della Lidia (660 a.C. circa, vedi t. 11, p. 68; com. 1 Chron. 1:5). A causa della leggera somiglianza tra Giges e Gog, alcuni commentatori hanno cercato di abbinare l'uno all'altro. Esaminando le prove storiche, si scopre che Gigas non era un re di straordinaria abilità militare. Nei documenti di Ashurbanipal, Giges appare sotto il nome di Guggu. Si racconta che Guggu inviò ambasciatori ad Assurbanipal per chiedere aiuto nella difesa contro i Cimmeri. Assurbanipal sostiene che con l'aiuto di Assur e Ishtar, gli dei assiri, Guggu fu in grado di sconfiggere i suoi nemici. Ma poi, in una guerra tra Assiria ed Egitto, il traditore Guggu si unì agli egiziani. Questa perfidia fu poi punita quando i Cimmeri saccheggiarono il suo paese e lo uccisero. Questo è il racconto di Guggu. Tuttavia, non ci sono prove che dimostrino che Gog sia la forma ebraica di Guggu. Un'altra supposizione collega Gog con il paese barbaro di Gagaia, che appare in una lettera di un re babilonese del XV secolo al faraone d'Egitto, nelle Tavole di Tell el-Amarna (t. 1, PP. 113- 114). Tuttavia, Gagaia è un paese e non una persona, come il Gog che appare in Ezechiele. In realtà, non c'è bisogno di trovare un Gog nei documenti storici. Molto probabilmente, Gog è il nome ideale impiegato da Ezechiele per indicare il capo delle orde pagane che lanciano un attacco finale contro Israele dopo la sua restaurazione, in un momento in cui gli israeliti godono della prosperità promessa

 734

 da Dio, a condizione che il suo popolo gli obbedisca.

 

Terra di Magog

Questa era la patria di Gog, e come "Gog" il suo significato è sconosciuto. È possibile che lo stesso Ezechiele avesse coniato quel nome anteponendo il nome gog. "Magog" appare cinque volte nella Scrittura. Due volte appare in Ezechiele (qui e in cap. 39: 6) come la terra di Gog; una volta che appare in Apoc. 20: 8, in relazione alle nazioni dei malvagi; e in Gen. 10: 2 e 1 Cron. 1: 5, come uno dei figli di Iafet. Alcuni, avendo identificato Gog con Gyges, re di Lidia, suggeriscono che Magog debba essere il paese di Lidia. Non ci sono prove storiche che sia così. Gagaia (vedi a p. 733) è stato pensato da alcuni per riferirsi a Magog, anche se questo non può essere affermato in modo definitivo (vedi Gen. 10: 2). Un'antica tradizione ebraica identificava Magog con gli Sciti (Giuseppe Flavio, Antichità i. 6.1). Lo stesso suggerisce Gesenius (vedi il suo dizionario ebraico) Tuttavia, questa identificazione di Magog con gli Sciti è supportata solo da congetture. Questi due nomi, Gog e Magog, sono stati oggetto di molte speculazioni. Come Gog, è probabile che il nome sia simbolico, avendo volutamente evitato una somiglianza troppo grande con la realtà, cosa che spesso accade nelle profezie, così che tale identificazione non impedisce in alcun modo il compimento della predizione.

 Di tanto in tanto altre interpretazioni fantastiche hanno identificato Magog con varie nazioni o con persone. Si potrebbe mettere insieme un'intera raccolta di leggende relative a Gog e Magog. In molti di essi compare la storia della costruzione di un muro per impedire l'ingresso di Gog e Magog. Questo murose è stato localizzato in molti paesi, dalla Grecia alla Cina, a seconda dell'origine nazionale della leggenda. Quando il muro fu distrutto, le forze distruttive di Gog e Magog furono in grado di svolgere il loro lavoro. In alcune delle leggende, questi eventi erano legati alla venuta dell'anticristo, momento in cui Gog e Magog (i popoli barbari del Caucaso settentrionale), che fino ad ora erano stati contenuti da Alessandro Magno, sarebbero stati liberati (vedi L.E. Froom, Prophetic Faith of Our Fathers, Vol. I, pp. 555, 583-584, 586, 662), Principe sovrano. nesi 'ro'sh. Nesi 'significa "principe", e ro'sh è tradotto come "testa", o come "capo". D'altra parte, la LXX traslittera Rós, come se fosse un nome proprio. La VM dice: "Prince of Ros". Comunque sia tradotta questa parte del versetto, l'insegnamento generale della profezia rimane invariato. Se si considera che ro'sh dovrebbe essere tradotto come il nome proprio di una nazione, sorge il problema di dover identificare quella nazione o il suo territorio.

D'altra parte, la traslitterazione della parola ro'sh per dare il nome proprio Ros difficilmente può essere giustificata. È una parola comune, che compare più di 600 volte nell'OT. Il suo significato di base è "testa", e solo in Gen. 46:21 ha la caratteristica di un nome proprio. Là appare come il nome di uno dei figli di Beniamino. Indubbiamente, è possibile che una parola che ricorre più di 600 volte con l'idea di base di "testa" in uno o due casi possa diventare un nome proprio, ma l'unica base per questo è la traslitterazione della LXX. La LXX fu tradotta nel III e nel II secolo a.C., e per qualche ragione i traduttori usarono il nome proprio Ros invece della traduzione della parola ro'sh, "testa". Non c'è modo di sapere se ai suoi tempi ci fosse un paese chiamato Rós. C'è una considerazione sintattica che potrebbe favorire di prendere questa parola come un nome proprio. Se la parola ro'sh è usata qui come aggettivo, dovrebbe normalmente contenere un articolo, poiché modifica nesi ', che in ebraico è una parola definita dall'essere in una stringa di costrutto (genitivo di relazione) con un nome proprio ", Mesec ". Esempi di questa costruzione si trovano dove l'articolo determinativo viene aggiunto all'aggettivo che modifica il sostantivo che si trova nella catena dei costrutti. In Ger. 13: 9, "il grande orgoglio di Gerusalemme". In Esd. 7: 9, "la buona mano di Dio". A Eze. 38: 2, l'aggettivo non ha articolo, il che renderebbe possibile tradurre la parola come un nome proprio, poiché i nomi propri non hanno un articolo. Ma questo controllo è tutt'altro che decisivo. In alcuni casi, l'aggettivo stesso fa parte della stringa del costrutto e non contiene un articolo in ebraico (ad esempio, 2 Sam. 23: 1; 2 Cron. 36:10). In 1 Chron. 27: 5 è una notevole eccezione alla regola sopra indicata.

735

Appare l'espressione hakkóhen ro'sh, "il sommo sacerdote". In questo caso il sostantivo prete ha un articolo, ma l'aggettivo "principal" no. D'altra parte, gli editori del testo masoretico ritengono che questo sia un errore e che dovrebbe essere letto nel modo normale hakkóhen haro'sh, "il sacerdote principale".

Durante la ricerca di fonti secolari, non viene trovato alcun paese denominato "Ros". Vari nomi compaiono nelle iscrizioni assire i cui suoni assomigliano a "Ros" (o Rosh), ma non c'è certezza che questo sia effettivamente il territorio a cui si fa riferimento qui. Dal X secolo ad oggi, vari esegeti hanno tentato di identificarlo. "Ros "con" Russia ". Secondo Gesenio, gli scrittori bizantini del X secolo identificarono Ros con hoi Rhos, un popolo che viveva nella regione settentrionale dei monti Taurus. Gesenio riteneva che fossero "senza dubbio i russi" (vedi il suo dizionario ebraico). Egli menziona anche che Ibn Fosslan, un autore arabo dello stesso periodo, afferma che queste persone vivevano sul fiume Rha (il Volga). Inoltre, le prove storiche mostrano che il nome "Russia" non deriva da "Ros" (o Rosh ). Tra gli slavi che vivevano in quella che oggi è la Russia, c'erano gruppi di vichinghi chiamati Varangians (o Varangians), emigranti dalla parte orientale della Svezia. Sebbene ci siano opinioni diverse riguardo al ruolo dei Varanghi, l'opinione prevalente tra gli specialisti è che questi guerrieri commerciali e capi militari - che non erano di origine slava - abbiano dato il nome "Rus" (da qui "Russia") al territorio che governavano . La tradizione russa afferma che Rurik, che era un Varangiano, prese il titolo di principe di Novgorod (la città principale della Russia settentrionale a quel tempo) intorno all'862 a.C.

I suoi discendenti governarono la Russia anche durante il dominio Mughal, fino alla morte di Feodor (Teodoro), l'ultimo sovrano della dinastia Rurik, nel 1598. Dopo diversi anni di sconvolgimenti, durante i quali regnarono con la forza vari personaggi, fu eletto nuovo zar , Michael Romanoff, la cui dinastia continuò fino alla rivoluzione del 1917 (vedi JB Bury, A History of the Eastern Ronwn Empire, 1912, p. 412; Bernard Pares, A History of Russia [A History of Russia], 1944; Encyclopaedia Britannica, ed 1974, sv "Russia") Si può quindi vedere che qualsiasi somiglianza che potrebbe esistere tra la parola ro'sh e il nome "Russia" è puramente casuale. Non sembra essere possibile dimostrare che il nome della Russia sia stato usato per designare quel paese fino a circa il X secolo d.C. C. Messek - Questo nome ricorre nove volte nella Scrittura. In Gen. 10: 2 e 1 Cron. 1: 5, Mesec è elencato come figlio di Iafet. In 1 Chron. 1:17, Mesec è figlio di Sem, ma questo è certamente un errore di copia e dovrebbe leggere "Altro", come appare in Gen. 10:23 Negli altri sei casi, Mesec è elencato come il nome di una nazione (Ez. 27:13; 32:26; 38: 2-3; 39: 1; Sal. 120: 5). Secondo la LXX, in Isa. 66:19, dovrebbe leggere "Mesec" invece di "che spara archi". In Gen. 10: 2; 1 Cron. 1: 5 e nei cinque testi di Ezechiele, Mesec appare in relazione a Tubal, indicando così che parla dei discendenti di Iafet. Ezechiele designa come mercanti che trafficano con Tiro vendendo "utensili di bronzo" e anche schiavi (cap. 27:13). Nei Salmi, appaiono come guerrieri (Sal 120: 7). Si crede che Mesech corrisponda ai Moschi degli autori greci classici (Erodoto iii. 94; vii. 78), cioè il mushku delle iscrizioni assire (vedere su Gen. 10: 2) Alcuni scrittori, che trovano la Russia in ro'sh, trovano anche Mosca nel suono mushku e pensano che questa città possa essere stata fondata dai discendenti dei mushku. Tuttavia, l'Encyclopaedia Britannica, edizione 1974, indica che Mosca è stata fondata nel XII secolo da George Dolgoruki. Non esiste alcuna relazione tra i due nomi.

Tubal -

Questo nome appare otto volte nella Scrittura. In Gen. 10: 2 e 1 Cron. 1: 5, Tubal è elencato come uno dei figli di Iafet. Questo nome appare in Isa. 66:19, dove la LXX elenca anche Mesech (vedi su Mesec). In Ezechiele ricorre cinque volte (27:13; 32:26; 38: 2-3; 39: 1), sempre insieme a Mesec. La forma composta del nome, Tubal-Caino, compare due volte in Gen. 4:22, come il nome del figlio di Lamech e Zila. Tubal è stato storicamente identificato con i Tibareni (in greco Barenoi) menzionati da Erodoto (III. 94) e con la Tabala delle iscrizioni assire (vedi Gen.10 : 2) Coloro che affermano che Ro'sh rappresenta la Russia cercano di collegare Tubal con la città

736

di Tobolsk nella Russia centrale. L'unico motivo per identificarsi l'uno con l'altro è che c'è una certa somiglianza nel suono dei loro nomi, una ragione poco solida. Tobolsk non fu fondata fino al 1587 dai cosacchi, il fatto che c'erano altre nazioni che occupavano un posto molto più grande nella storia di quelle menzionate nel cap. 38, suggerisce che forse lo scopo della profezia non era quello di dare l'identità specifica di questi popoli. Israele deve sapere che un grande gruppo di nazioni si solleverà per opporsi alla sua futura ascesa e alla sua grandezza nazionale e spirituale. Non era di grande importanza specificare chi avrebbe guidato questa immensa confederazione, poiché vi erano inclusi quasi tutti i poteri pagani che si opponevano a Dio. È probabile che la selezione e l'enumerazione di alcune nazioni non fosse altro che una figura poetica. Allo stesso modo, applicando questa profezia al presente, poiché tutte le nazioni si uniranno a Satana nella sua battaglia finale contro il governo del cielo, non c'è nulla da guadagnare cercando di identificarne alcune.

4. Ti spezzerò.

Ebr. "Ti farò tornare." "Ti farò voltare" (BJ). Dio non riporta Gog dalla Palestina, ma da qualche altra compagnia, perché vada contro la Terra Santa. Il contesto di questi versi e del cap. 39: 2 lo indica. La figura è quella di un animale selvaggio che sta per fare ciò che vuole, ma è diretto da un potere superiore. Questo potere è presentato qui come il potere di Geova, poiché le Scritture spesso affermano che Dio fa ciò che permette a Satana di fare (vedere 2 Cron. 18:18; Ez. 38:10). cap. 29: 4 - Il tuo intero esercito, questa vasta schiera di persone sta andando contro Israele completamente equipaggiata, i loro piani sono stati apparentemente elaborati con cura e sono stati fatti preparativi adeguati. Da un punto di vista militare, tutto sembra favorire gli aggressori. Ma con Yahweh contro Gog, Israele non ha nulla da temere.

5. Persia.

Il profeta aveva precedentemente convocato le nazioni che vivevano a nord. Il secondo gruppo viveva a est ea sud: tuttavia, le nazioni vicine immediate non sono menzionate. Solo coloro che vivono ai margini del mondo conosciuto sono chiamati a questa battaglia; per possibili ragioni, vedere in questo cap. com. vers. 2, nel paragrafo finale della sezione "Tubal". Per trovare un profilo della storia della Persia vedere t. III, PP. 53-66,

Cus.

Ebr. Kush, era uno dei figli di Cam (Gen. 10: 6). I suoi discendenti si stabilirono nel sud dell'Egitto in quella che più tardi fu la Nubia, ora la punta meridionale dell'Egitto e del Sudan settentrionale (vedi Gen. 10: 6). cap. 27: 10.

6. Gomer

Uno dei figli di Jafet (Gen. 10: 2; 1 Cron. 1: 5). Gomer è anche menzionata come la moglie di Osea (Os. 1: 3). L'unico altro esempio biblico in cui ricorre un tale nome è in questo riferimento a Gomer ea tutte le sue truppe. Niente di tutto questo getta molta luce nel determinare chi fossero questi popoli che si unirono a Gog contro Israele. Nelle fonti secolari si fa frequente menzione dei Gímirrai o Cimmeri (vedi Omero, Odissea xi. 14), di cui si ritiene che fossero i le stesse persone qui descritte con il nome di Gomer e "le sue truppe". Erano un'orda barbara di iraniani proveniente da quella che oggi è la Russia meridionale, ribaltata nell'VIII secolo a.C. sul territorio dell'Assiria e dei suoi vicini, provocando rivolte e spargimenti di sangue (vedere Erodoto i. 15. 16; per ulteriori informazioni, vedere Gen. 10: 2).

Togarma.

Togarma era figlio di Gomer, nipote di Jafet, fratello di Ashkenaz e Rifat (Gen. 10: 3; 1 Cron. 1: 6). Ad eccezione di questi due riferimenti, il nome compare solo qui e in Eze. 27:14, dove si afferma che gli uomini Togarma commerciavano cavalli e muli al mercato di Tiro. Queste persone sono state identificate con il tilgarimmu delle iscrizioni assire (vedi Gen. 10: 3) .

7. Preparati.

Il profeta sembra usare ironia nell'incoraggiare Gog a fare tutti i suoi preparativi bellici e a convocare tutte le sue forze insieme. tutti i nemici di Dio periscono insieme. Gog stesso deve essere il guardiano di tutto quell'esercito, per dirigere l'attacco.

8. Sarai visitato.

"Riceverai ordini" (BJ). Il paqad ebraico può anche essere tradotto come "passare la revisione" (Isa. 13: 4), o "essere chiamato. Dopo anni. Cfr. Gen. 49: 1; Num. 24:14; Dan. 10:14; Mic. 4: 1; vedere Isa. 2: 2. Non c'è modo di sapere quanto tempo sarebbe stato questo periodo.

737

Molti anni di prigionia erano ancora davanti, dopo di che sarebbero passati anni prima che lo Stato ebraico fosse stabilito e nella condizione in cui sarebbe stato qui è descritto Sempre ebr. tamid, "continuamente" (vedere Dan. 8:11) I monti d'Israele non erano sempre stati desolati, ma durante la cattività lo erano stati continuamente. Anche dopo il ritorno dalla prigionia, la riabilitazione sarebbe stata un processo graduale e il completo ripristino non sarebbe avvenuto fino a dopo la distruzione dei nemici del nuovo stato.

9. Come una tempesta.

Cfr. Prov. 1:27; È un. 21: 1; 28: 2; Eze. 13:11 Per quanto nuvoloso. Attribuendo questa profezia ad eventi in quello che ora sarebbe l'immediato futuro, alcuni hanno applicato questo simbolismo alle moderne forze aeree. Questa è mera congettura. Non c'è modo di sapere se Satana impiegherà le forze aeree nella sua ultima campagna, dopo il millennio (Ap. 20: 9; vedi su Ez. 38: 1)

10. Concepirai pensieri malvagi

"Concepirai piani perversi" (BJ). In vs. 4-16 Dio è presentato come colui che induce Gog ad attaccare la terra d'Israele. Qui è evidente che Dio lo fa nel senso che permette a Gog di compiere i tentativi del suo cuore empio.

11. Senza muri,

cfr. Zac. 2: 4-5. Questa mancanza di difesa renderebbe Gog fiducioso della vittoria.

12. La parte centrale della terra.

Ebr. "ombelico della terra".

Questa figura compare solo qui e su Gd. 9:37, dove si applica senza dubbio a una collina vicino a Sichem, probabilmente a causa della sua posizione centrale rispetto al Giordano e al Mediterraneo. Qui la Palestina appare come il centro della terra, forse nello stesso senso in cui si dice che Gerusalemme sia stata posta "in mezzo alle nazioni" (Ez 5: 5)

13. Saba.

Qui il profeta aggiunge altri tre nomi al suo elenco di nazioni. Non è detto che questi si sarebbero uniti agli eserciti invasori, ma che avrebbero indagato sul bottino che sarebbe stato preso. Forse speravano che parte del bottino passasse nelle loro mani. Vedi in com. cap. 27:22 l'identificazione di Saba, Dan; vedi su com. cap. 25:13

Tarsis

Si ritiene che fosse la colonia fenicia di Tartesos in Spagna. Sono stati compiuti sforzi per identificare questo luogo con i paesi limitrofi della Palestina, ma da ciò che è detto nella Bibbia, è chiaro che Tarsis si trovava a una certa distanza al di là del mare. I minerali portati da Tarsis esistono ancora in Spagna. Tartesso sembra adattarsi bene alla descrizione biblica di Tarsis (vedere Gen. 10: 4). È possibile che i "mercanti di Tarsis" fossero i Fenici.

16. Quando è santificato in te.

14-16 ripete in buona parte ciò che era già stato detto riguardo alla pacifica sicurezza di Israele e che Dio permise alla potente confederazione di Gog di insorgere contro il suo popolo. Il carattere di Dio sarà pienamente rivendicato nella distruzione di Gog. Allo stesso modo, quando Satana e la vasta moltitudine di malvagi saranno distrutti alla fine del millennio, la saggezza, la giustizia e la bontà di Dio saranno pienamente confermate. Dalle labbra di tutti gli esseri creati, leali o ribelli, si udiranno queste parole: "Giuste e veraci sono

le tue vie, Re dei santi" (Ap 15, 3; cfr CS 726-729) .

17. Di chi ho parlato.

Non c'è ora alcuna profezia precedente in cui Gog sia menzionato per nome, né dobbiamo preoccuparci che tale profezia sia persa. Vista nel suo senso più ampio, la battaglia qui descritta non è altro che il culmine dell'antica lotta tra le potenze del male e il popolo di Dio; di questo ci sono frequenti menzioni nelle precedenti profezie. Il primo accenno a questa lotta viene dal Giardino dell'Eden, nella maledizione pronunciata sul serpente. Dio predisse che ci sarebbe stata una guerra costante tra il seme della donna - la chiesa - e Satana. Il trionfo finale sul male è stato predetto nella frase: "Questo [il seme della donna] ti colpirà sulla testa" (Genesi 3:15). Altri riferimenti al conflitto e al trionfo finale del bene si trovano nei Salmi e nei successivi libri profetici (Sal. 2: 1-10; Isa. 26: 20-21; ecc.) Era prevedibile che qualsiasi successo sul parte del popolo di Dio dovrebbe affrontare l'opposizione più violenta del grande avversario. Ciò che si dice di Gog in questo capitolo è un abbozzo del tipo di resistenza che avrebbero incontrato nel periodo post-esilio le persone rigenerate che avevano finalmente adempiuto alla missione che Dio aveva loro affidato. Poiché la profezia era condizionata e le condizioni non si sono mai adempiute, le predizioni non hanno trovato il loro adempimento nell'Israele letterale. Né è possibile proiettare

738

tutti i dettagli nel futuro in modo che siano rispettati in quel momento. Solo quegli elementi profetici ribaditi in seguito da autori ispirati devono essere applicati in futuro (vedi pp. 38-40; a v. 1)

 18. La mia rabbia aumenterà.

Gli antropomorfismi sono quelle figure che attribuiscono attributi umani a Dio. Dio descrive le sue azioni con frasi che sono familiari agli uomini. In realtà, Dio è molto al di sopra del ragionamento umano. "I miei pensieri non sono i vostri pensieri, né le vostre vie sono le mie vie, dice il Signore" (Is. 55: 8).

19. Grande tremore.

Ecco un dettaglio su cui gli autori del Nuovo Testamento parlano di terribili convulsioni naturali che precederanno la venuta del Figlio dell'uomo attirano l'attenzione. Gesù parlò del "ruggito del mare e delle onde" e di uomini che sarebbero svenuti per "paura e aspettativa", non tanto a causa di qualche minaccia militare, ma perché la natura sembra essere totalmente alterata (Luca 21: 25-26 ; CS 693). Giovanni il rivelatore presenta una descrizione più vivida dei grandi cataclismi del mondo naturale (Ap. 16: 18-20). Gli uomini dipendono da sempre dalla natura. Per quanto è noto, non una sola volta nel lungo corso della storia del mondo, se non in relazione a ciò che è registrato in Jos. 10: 12-13 e 2 Re. 20: 8-11, il sole ha smesso di seguire il suo corso normale. Ogni legge naturale ha sempre operato con piena regolarità, gli uomini hanno fatto affidamento sulla permanenza di quelle leggi, dimenticando Colui in cui "ogni cosa ... sussiste" (Col. 1:17). Al posto di Dio, ha scelto l'idolo della scienza che è veramente "il Dio di quest'epoca" (2 Corinzi 4: 4). Il "grande tremore" nel mondo naturale farà loro riconoscere la terribile realtà che il Dio che hanno scelto, il "principe della potenza dell'aria" (Ef 2: 2), non ha potere sugli elementi. Eppure ha affermato di avere una posizione e un potere pari a quello del Figlio di Dio (vedere su Eze. 28:13) e ha affermato che se gli fosse stata data l'opportunità di farlo, avrebbe esercitato un dominio più equo sul mondo rispetto a Cristo. . Ti è stata data l'opportunità di eseguire una simile dimostrazione. Ora, in mezzo a una terra sconcertante, tutti gli uomini vedono la falsità e l'arroganza delle loro affermazioni e scoprono, anche se troppo tardi, che il tempo della prova è finito per sempre.

21. La spada di ciascuno.

Ciò accadrà anche durante il tempo del terribile paura. Delusione, quando le folle scoprono che i loro capi religiosi le hanno ingannate e si confondono con loro. "Le spade che avrebbero dovuto distruggere il popolo di Dio vengono ora usate per uccidere i suoi nemici. Ovunque c'è combattimento e spargimento di sangue" (SC 714). Come registrato nell'AT, in numerose occasioni Dio ha liberato il suo popolo, costringendo i suoi nemici a combattere l'un l'altro Judg. 7:22; 1 Sam. 14:20; 2Cron. 20: 22-24).

22. Grandine.

Questo evento corrisponde alla grandine della settima piaga, quando le pietre cadranno come un talento pesante per aumentare la distruzione già effettuata (Apocalisse 16:21). È possibile che "fuoco" trovi il suo equivalente nei "fulmini" di Apoc. 16:18. Questa profezia è applicata alla fine della storia del mondo come segue: "Un fulmine violento colpisce il cielo con un ruggito, avvolgendo la terra in fiamme fulminee" (S 695). la superiorità dell'Iddio del cielo, così anche, mentre l'apice del grande conflitto si avvicina, i piani del grande ingannatore, così accuratamente elaborati, saranno completamente smascherati, e la falsità e la debolezza delle affermazioni di Satana. Sia gli uomini che i demoni devono riconoscere che c'è Uno che è supremo e che tutti i suoi atti nel grande conflitto sono stati compiuti per ottenere il bene eterno del suo popolo e dell'intero universo (vedere SC 729). di Ezechiele, vedi cap. 6: 7. Appare due volte qui (cap. 38:16, 23) e quattro volte in cap. 39 (versetti 6-7, 22, 28). 22 PP 544 739

739

 

Ezechiele cap 39

 

740

 

1. Profetizza contro Gog.

Questo capitolo continua il tema del precedente, ripetendo in parte quanto già detto su Gog ma aggiungendo maggiori dettagli sull'entità del bottino (versi 9-10), il sistema di seppellire il bottino. Morti ( versetti 11-16) e l'estensione del massacro (versetti 17-20). In vs. 21-29 Le graziose promesse di Dio per la restaurazione sono ricapitolate, Gog, continua a leggere cap. 38: 2.

2. Ti guiderò.

"L'idea data dal verbo ebraico shasha 'è" guidare come un bambino che impara a camminare ". Targums usa il verbo nasha'," ingannare "," condurre in errore ". La LXX usa il verbo Kathodegeo, "guidare verso il basso." Queste differenze corrispondono alla combinazione di idee nel cap. 38: 4, 16.

3. Triggerò il tuo arco.

Questa frase indica che gli invasori sarebbero arcieri.

4. Uccelli.

... bestie. Avvoltoi e sciacalli erano sempre pronti a nutrirsi dei corpi dei morti in battaglia (1 Sam. 17:46; Eze. 33:27)

6. Fuoco su Magog.

Magog è il paese di Gog (vedi cap. 38: 2) La punizione cade anche su quel paese e si estende fino alle coste e alle isole del mare.

7. Le nazioni lo sapranno

Il nome di Dio sarebbe rivendicato attraverso queste punizioni (vedi cap. 38:16).

9. Fuoco per sette anni.

È chiaro che questa parte della profezia non si adempirà letteralmente in relazione alla seconda venuta di Cristo e al millennio. Secondo il principio presentato (in cap. 38: 1), la storia sarebbe stata molto diversa se Israele avesse permesso a Dio di realizzare i suoi piani per il suo popolo. Nel corso naturale degli eventi, la nazione prospera e restaurata sarebbe stata l'obiettivo dell'attacco di nazioni pagane invidiose che avrebbero rifiutato di accettare il messaggio di Israele sul vero Dio. Nella guerra qui descritta, Dio avrebbe protetto il suo popolo dandogli una schiacciante vittoria. Questa descrizione profetica del grande conflitto sarebbe stata senza dubbio adempiuta letteralmente proprio come sarebbero state le promesse di restaurazione nazionale e missione mondiale per Israele rimpatriato soddisfatto. Potreste chiedervi allora, perché queste cose non potrebbero essere soddisfatte ora che c'è ancora una volta uno Stato di Israele in Palestina? Si deve rispondere che poiché queste predizioni furono fatte, poiché rifiutarono Gesù, gli ebrei furono rifiutati come nazione da Dio, e le promesse che sono appartenute alla chiesa cristiana per duemila anni si adempiranno in senso spirituale nell'Israele spirituale (PP. 37-38).

11.Luogo di sepoltura -

Gog, che aveva sperato di ottenere una vittoria completa su Israele, non avrebbe ricevuto dal Signore più di un luogo di sepoltura in quel paese. Il testo masoretico dice "posto là", ma la LXX e la Vulgata traducono "luogo famoso". La valle di coloro che passano. Questa valle non può essere localizzata con precisione. Si dice che sia "a est del mare", senza dubbio con riferimento al Mar Morto. La posizione specifica non ha importanza per l'interpretazione del brano. Essa ostacolerà il passaggio. Si potrebbe capire che i viaggiatori che vi transitano dovrebbero fermarsi in questo luogo famigerato per considerare la punizione inflitta ai nemici del popolo di Dio, oppure forse che la valle non avrebbe avuto uscita. Valle di Hamon-gog. Vale a dire, "valle della moltitudine di Gog".

14. Uomini su base giornaliera.

Ebr. "Uomini continuamente", uomini designati per eseguire questo compito fino a quando non viene adempiuto. Il lavoro doveva essere svolto in modo sistematico, con chi viaggia. La preposizione ebraica 'eth, qui tradotta "con", può anche indicare che la parola che segue è l'oggetto diretto del verbo. Così si leggerebbe "che percorrono la terra per seppellire coloro che passano, coloro che

741

rimangono sulla faccia della terra". Le versioni LXX e siriaca omettono questa frase. Quindi il BJ dice solo: "seppellite quelli che sono rimasti a terra".

15. Un segno.

Per attirare l'attenzione dei becchini

16. Hamona

Questa parola può essere derivata da hamon, in ebraico, "moltitudine"

17. Uccelli di tutte le specie.

17-20 rappresentano eventi che si verificherebbero dopo quelli descritti nella prima parte del capitolo. Descrivono semplicemente gli stessi eventi sotto un'altra figura. Questa nuova figura serve ad amplificare la descrizione dell'immensa carneficina. In Isa. 34: 6 e Ger. 46:10 Anche le punizioni distruttive di Dio sono presentate come sacrifici. L'intera sezione ha una notevole somiglianza con il Rev. 19: 17-18, un passaggio che indica come e quando questa parte della Scrittura troverà un certo adempimento in relazione all'era cristiana. Con alcune delle stesse figure, Giovanni rappresenta il tremendo massacro dei malvagi alla seconda venuta di Cristo, una distruzione che in quel caso sarà così completa che non ci sarà più nessuno a seppellire i morti.

21. La mia gloria fra le nazioni.

Ezechiele predisse il corso che la storia avrebbe seguito se Israele, già in cattività, avesse sfruttato appieno la loro punizione (vedi cap. 38: 1). La sconfitta delle moltitudini di Gog non rappresenta l'annientamento finale di tutti i peccatori ed elementi malvagi, l'inizio di nuovi cieli e di una nuova terra, totalmente rinnovata. Piuttosto, descrive un passaggio intermedio. La grandiosità della scena avrebbe suscitato una tale ammirazione in tutto il mondo che l'attenzione degli uomini ovunque sarebbe stata diretta verso Dio e i suoi propositi per gli abitanti della terra. Questo sarebbe un motivo per cui l'opera missionaria di Israele sarebbe notevolmente aumentata, culminando alla presenza del regno di Dio.

23. Le nazioni lo sapranno.

Non avrebbero più affermato, come avevano fatto prima, che le sofferenze di Israele erano il risultato di Dio non aveva abbastanza potere per proteggerli. Al contrario, avrebbero visto la giustizia e l'equità dei propositi divini, e poiché sarebbero stati attirati nel suo regno e avrebbero cercato di entrarvi.

29. Avrò versato il mio Spirito.

Il risveglio di Israele sarebbe stato accompagnato da un grande effusione dello Spirito. Questo potere promesso avrebbe permesso loro di evangelizzare rapidamente il mondo e di prepararsi per la venuta del Messia.

 

PUBLICACIONES INTERAMERICANAS
Pacific Press Publishing Association
Mountain View, California
EE. UU. de N.A.
--------------------------------------------------------------------

 

VERSIÓN ESPAÑOLA
Traductor Jefe: VICTOR E. AMPUERO MATTA
Traductora Asociada: NANCY W. DE VYHMEISTER
Redactores: SERGIO V. COLLINS
FERNANDO CHAIJ
TULIO N. PEVERINI
LEÓN GAMBETTA
JUAN J. SUÁREZ
Reeditado por: Ministério JesusVoltara
https://www.jesusvoltara.com.br

 

Igreja Adventista do Sétimo Dia

 

---------------------------------------------------------------------
---------------------------------------------------------------------

 

El libro del Profeta EZEQUIEL

 


 


*ADORAZIONE*

*ADORAZIONE* - NUOVA GERUSALEMME

SALA DI CULTO MANNHEIM (GERMANIA) ANDIAMO ALLA CASA DEL SIGNORE! ADORIAMO, LODIAMO, RINGRAZIAMO! CREDIAMO, UBBIDIAMO LA PAROLA DEL SIGNORE!

*ADORAZIONE* - NUOVA GERUSALEMME

Evangelista: Timpanaro Salvatore

*ADORAZIONE* - NUOVA GERUSALEMME

COLPORTAGE / EVANGELIZZAZIONE ATTRAVERSO LA STAMPA: GESU' TI SALVA! Lo SPIRITO SANTO Ti guida a LUI, attraverso la SACRA BIBBIA. Credi-ubbidisci! Ti battezzi e vieni salvato/a. Vivi conforme il Teovangelo. Sei un/a cristiano/a praticante. Vieni purificato/a, giustificato/a. La vita di perfezione cristiana è una comunione giornaliera con GESU' CRISTO. Vivere in santità!

OPERA MISSIONARIA CRISTIANA -PAVIA

OPERA MISSIONARIA CRISTIANA -PAVIA - NUOVA GERUSALEMME

QUESTO E' IL MIO SITO A PAVIA VIA CIVIDALE, 15

OPERA MISSIONARIA CRISTIANA -PAVIA - NUOVA GERUSALEMME

OPERA MISSIONARIA CRISTIANA -PAVIA - NUOVA GERUSALEMME

BENVENUTI NELLA CITTA' DI PAVIA. CON I PANNI DI PECCATORE NON SI ACCEDE A PAVITA. NUOVA GERUSALEMME!

COLPORTAGGIO IN GERMANIA - AL CENTRO LA SR. PRINZ

COLPORTAGGIO IN GERMANIA - AL CENTRO LA SR. PRINZ - NUOVA GERUSALEMME

TIMPANARO SALVATORE E DI COSTA GIUSEPPE

SCUOLA MISSIONARIA INTERNAZIONALE

SCUOLA MISSIONARIA INTERNAZIONALE - NUOVA GERUSALEMME

SCUOLA MISSIONARIA INTERNAZIONALE <1967-1969>

SCUOLA MISSIONARIA INTERNAZIONALE - NUOVA GERUSALEMME

EVANGELIZZAZIONE A WORMS MONUMENTO "RIFORMATORI"/ LUTHERPLATZ (1970)

SCUOLA MISSIONARIA INTERNAZIONALE - NUOVA GERUSALEMME

ESCURSIONE SCOLASTICA